Storia

La storia del nostro Centro dai primi giorni di vita documentati

Dopo la fine della guerra, le varie Amministrazioni Comunali susseguitesi, pressate da più grandi ed impellenti richieste da parte della popolazione residente, non si posero mai il problema di istituire un Centro Anziani.
Si dava la priorità alla ricostruzione: delle Scuole Rurali, perché le lezioni si tenevano presso le abitazioni private, dell'acquedotto comunale, perché le abitazioni avessero l'acqua; altri lavori urgenti erano l'allaccio alla rete elettrica, la costruzione di strade... Queste necessità hanno fatto passare in secondo ordine il problema sociale.
Negli anni '50-'60 una parvenza di Centro Sociale la davano la Società Operaia con i propri iscritti e le Cantine, dove si giocava a carte dopo il pesante lavoro.
Erano molto frequentati i bar, i circoli tra cui quello delle Acli, ora Cine-Teatro Lanzi e i saloni dei barbieri, dove si andava per parlare di sport o di argomenti vari.
Altro centro aggregativo era la funzionante biblioteca comunale, dove si poteva sostare per consultare libri o portarli temporaneamente a casa."
(Notizie fornite dal Prof. Aldo Ceschini Sindaco dal 1956 al 1965)



Il primo Centro di promozione sociale sorto nella Città di Corridonia.

    Nascita ed evoluzione

Il primo atto documentato costitutivo del Centro è datato 25 marzo 1982, quando un gruppo di anziani, sostenuti dall'allora prevosto don Raffaele Vita, si riunì presso i locali dell'ex Ufficio Postale, alla presenza del Vice Sindaco e dell'Assessore ai Servizi Sociali, per discutere sulla formazione di una Società Cooperativa e per nominare un Comitato di Coordinamento che tenesse i contatti con l'Amministrazione Comunale.
Questo è il punto di partenza. Da allora, grazie alla volontà del gruppo fondatore e al desiderio di mettersi a disposizione degli anziani, è iniziata a piccoli passi l'attività sociale e di volontariato che nel tempo ha portato alla realtà attuale.
Fin dall'inizio il Centro Anziani (nome poi mutato in Centro Sociale Anziani) ha sempre collaborato con l'Amministrazione Comunale per organizzare varie attività, per esempio soggiorni estivi, gite, attività ricreative, giornata dell'anziano, ecc...
Il Centro si associò dapprima all'O.P.A.E. e successivamente all'A.N.S.P.I.
Il 9 dicembre1989 fu inaugurata la prima sede del Centro Sociale Anziani in via Santa Maria, in una palazzina messa a disposizione dal Comune, dove l'installazione di una linea telefonica rese possibile anche l'avvio di un progetto (filo d'argento), per permettere agli anziani"attraverso il telefono di comunicare in alcune precise ore del giorno, trovare conforto, amicizie, consigli e altro".
L'impegno per dirigenti e collaboratori si faceva quindi sempre più consistente.
Il 28 marzo 1990 si svolsero le prime elezioni per il Consiglio Direttivo e il Comitato di Coordinamento delle diverse attività. Il Consiglio Direttivo nominò presidente Mons. Raffaele Vita. Egli aveva a cuore i problemi degli anziani e voleva creare "occasioni d'incontro reale" per favorire rapporti fra persone, per sconfiggere la solitudine e le sue conseguenze.                           
Sempre in questo anno si diede avvio alla composizione e alla successiva discussione e approvazione di uno Statuto.                                         
Il 26 gennaio 1999, il Centro partecipò a una riunione provinciale, nella quale fu firmato un protocollo d'intesa tra la Provincia di Macerata e il "Coordinamento provinciale dell'associazione nazionale dei Centri Sociali", al quale il Centro Sociale Anziani di Corridonia aderì insieme con altri quattordici della provincia. Corridonia entrava così a far parte dell'ANCeSCAO, un'associazione democratica, apartitica e senza finalità di lucro, nata con lo scopo di coordinare, collegare e stimolare le iniziative e le attività degli organismi associati, che costituiva senza dubbio una garanzia di professionalità e sicurezza per tutti gli aderenti.
Nel dicembre 2004, il Centro Sociale Anziani si trasferì nella nuova e più ampia sede in via Bartolazzi 22, messa a disposizione dall'Amministrazione comunale per soddisfare le esigenze dei soci e per le numerose attività promosse. Nella nuova sede il Centro "adottò" l'Università delle Tre Età, con numerosi corsi, e in quell'occasione cambiò il proprio nome con l'attuale "Centro Socio-Culturale e Ricreativo "Mons. Raffaele Vita", in ricordo e onore del Suo ideatore e fondatore.
In questa nuova sede, con spazi adeguati alle esigenze e all'incremento numerico dei Soci, iniziarono altre attività, alcune coordinate insieme all'Amministrazione comunale.



Il Centro oggi

Il Centro Sociale, fin dalla nascita, si è sempre più consolidato all'interno del tessuto sociale, diventando un punto di riferimento della nostra città.
Per tale motivo si ritiene opportuno rendere noto il lavoro fin qui svolto e quello ancora da intraprendere.
Per un'Associazione come la nostra, profondamente attenta al "sociale", parlare del solo "bilancio economico" risulterebbe troppo riduttivo, perché non verrebbero evidenziati i valori e i contenuti che sono alla base dell'impegno quotidiano.
Per quanto riguarda il "bilancio sociale" ci si può ritenere soddisfatti della crescita esplosiva avvenuta soprattutto negli ultimi sei-sette anni, sia per il numero dei soci che per la considerazione ottenuta nell'ambito Comunale e Provinciale.
Per questo il ringraziamento va a tutti i collaboratori. Infatti, si muove all'interno del Centro un gruppo di persone che di mettersi in pantofole non ha proprio nessuna intenzione.
Al contrario, con l'età della pensione, molti hanno maturato la scelta di continuare a essere utili per la società locale.
La nuova sede più confortevole e consona alle esigenze del Centro. E' dotata di due locali adibiti ad uffici, di una biblioteca, di un ambulatorio medico, di due aule didattiche, di una cucina, di una sala TV, di due sale come aree ricreative e di una palestra multifunzionale (intitolata ad Arturo Gatti, presidente del Centro dal 3 gennaio 1994 al 21 marzo 2004); all'esterno il gioco delle bocce, spazi verdi e uno spazio coperto da un gazebo.

                                        Gli obiettivi

Scopo primario dell'Associazione è di aiutare gli anziani a vincere la solitudine e l'emarginazione.
Pertanto l'associazione si prefigge di:
- promuovere il progressivo miglioramento della qualità della vita dei cittadini anziani                     

  • realizzare con essi iniziative tese a superare le difficoltà e le problematiche dell'età
  • sviluppare la coscienza associativa e i principi della più ampia solidarietà e cooperazione
  • programmare attività culturali, spirituali, socio-assistenziali, turistico-ricreative
  • partecipare alle iniziative e alle manifestazioni locali
  • organizzare corsi di formazione e attività motoria

                              
                                    Le attività svolte

Attività socialmente utili

Servizio di Vigilanza e di Assistenza
In seguito alla richiesta dell'Amministrazione Comunale, il Centro si è reso disponibile a fornire circa quaranta soci e socie che s'impegnano a controllare gli alunni delle scuole materne, elementari e medie nell'attraversamento della strada e in prossimità degli ingressi degli edifici scolastici; per gli alunni della scuola materna è assicurata anche l'assistenza nei pulmini nel tragitto da casa a scuola e viceversa.

Sportello informa-anziani
Da qualche tempo è in funzione presso il Centro lo sportello "118 Sociale"; esso è  inserito  nel  progetto  nazionale "I CENTRI SOCIALI ANZIANI SOLI ED EMARGINATI", attivo nelle maggiori città italiane.
Un gruppo di volontari è a disposizione di chi desidera informazioni e chiarimenti sui servizi forniti da Ente Locale, ASUR, Ambito Territoriale, Regione Marche, ecc...
Lo sportello "INFORMA ANZIANI" è aperto nei pomeriggi di martedì, giovedì e venerdì dalle ore 16,00 alle 18,00.


Progetto trasporto degli anziani
In collaborazione con l'Amministrazione Comunale si utilizza il furgone Ducato, di proprietà del Centro, per il trasporto di andata e ritorno a Corridonia, delle persone anziane dalle frazioni periferiche di San Claudio, Sarrocciano e Zona Industriale per il disbrigo delle pratiche personali.

                  

Convegni di prevenzione sanitaria e d'informazione
Il nostro Centro Sociale ha indetto alcuni convegni, durante i quali sono stati illustrati argomenti medico-sanitari e sociali.

  • Gli alimenti idonei per prevenire conseguenze "cardio-vascolari".
  • Prevenzione dei"tumori cutanei".
  • "L'anziano tra salute e malattia", tavola rotonda dei medici di base locali
  • Le patologie dell'ernia al disco e terapie alternative del dolore.
  • Modalità di difesa da "truffe e raggiri", a cura dell'ADICONSUM
  • La prevenzione da "truffe e raggiri", a cura della Polizia di Stato.



Il Giornalino
Ogni quattro mesi i Soci ricevono a casa il giornalino, redatto da alcuni membri del Direttivo e da collaboratori; esso contiene articoli di carattere religioso, culturale, ricreativo, sociale e informativo sulle attività del Centro.

Università delle Tre Età
Il fiore all'occhiello è l'Università delle Tre Età, con l'organizzazione nell'anno accademico 2013-14 di 15 corsi: Inglese di 1° e 2° livello, Francese, Spagnolo, Pittura e storia dell'arte, Leggere insieme per insieme commentare, Teatro (dizione e recitazione), I benefici delle erbe curative, Alfabetizzazione informatica, due corsi di Yoga e due di Attività motorie, Ballo latino-americano, Metodo Feldenkrais (posturale), Cucina. Forse, anche per questo motivo, gli iscritti al Centro Sociale sono passati in 10 anni da 103 a circa 700 nell'anno 2011, ora si è stabilizzato 560-600 Soci.

Premio Letterario "Città di Corridonia"
Per dare ulteriore lustro al Centro, dal 2009 è stato istituito il Premio Letterario "Città di Corridonia", concorso nazionale di poesia.
Sono già state effettuate cinque edizioni e si è organizzata la sesta con il patrocinio e il sostegno dell'ANCeSCAO nazionale, degli Enti comunali, provinciali e regionali.

                     Attività turistiche e ricreative

Gite
Negli anni sono state organizzate e si organizza numerose gite di varia durata, alle quali partecipano con entusiasmo e con grande soddisfazione moltissimi Soci.

Ballo
La domenica presso il Centro si organizzano pomeriggi e serate danzanti, con musica dal vivo,

                    Iniziative di sostegno e beneficienza

In collaborazione con la Comunità di Sant'Egidio, sono state effettuate sei adozioni a distanza, dal Centro Sociale e da Soci.
Ogni anno si collabora con l'associazione ANT (associazione che assiste persone malate terminali) per la raccolta di fondi, con la vendita di stelle di Natale e uova di Pasqua.

                   I progetti futuri

Clown-Terapia:
In collaboraione con l'IPSIA di Corridonia si vorrebbe inserire presso il Centro, a partire dal nuovo anno scolastico, un gruppo di studenti tirocinanti che frequentano il corso "Servizi Sociali", per un progetto di Clown-Terapia.

Villaggio-Sociale o Casa-Famiglia
La permanenza nel proprio contesto territoriale è fondamentale per il benessere e la salute degli anziani; serve a mantenere la propria identità e a migliorare la qualità della vita, sia fisica che psicologica.                                               
A tale proposito si vorrebbe realizzare il progetto della Casa-Famiglia: soluzioni abitative per persone sole o coppie di anziani economicamente svantaggiati in condizione di povertà o non completamente autosufficienti.
Per la concretizzazione del progetto si spera nel coinvolgimento di Enti locali, Provincia, Regione Marche, Istituti di Credito presenti nel territorio e di operatori economici (es. industrie, artigiani, ecc...), oppure di semplici cittadini sensibili a questa problematica.
La situazione economica attuale non è certo favorevole, ma proprio per questo diventa ancora più importante il progetto.

Questo è il Centro Socio-Culturale e Ricreativo " Mons. Raffaele Vita ", che è premiato con l'incremento degli iscritti; probabilmente, grazie a tutti, si sta lavorando bene.

Venerdì 12 Gennaio 2018: Messa in suffragio dei soci defunti
14-12-2017
Tesseramento 2018
11-12-2017

INVITO al Tesseramento!


Si invita al rinnovo del TESSERAMENTO per
l’anno 2018

Dal giorno 11 Dicembre 2017 sono aperte le iscrizioni per l'anno 2018 

Sabato 11 Novembre ASSEMBLEA Generale
20-10-2017

Il Centro Socio-Culturale organizza l'Assemblea generale dei Soci e la tradizionale castagnata